15.08.2020, Maria, Assunta in cielo

Pietro, Giovanni, gli altri apostoli e le tre vergini presero cura del corpo di Maria: lo posero su di un lettuccio e poi svegliarono gli altri. Pietro prese la palma e disse a Giovanni: “Tu sei vergine, Giovanni, e spetta a te cantare davanti al lettuccio e tenerla”. Giovanni gli rispose: “Tu sei il nostro padre e il nostro vescovo, spetta a te precedere il lettuccio fino a quando giungeremo al luogo”. Pietro rispose: “Affinché nessuno di noi abbia a rattristarsi, coroniamone il lettuccio”. Gli apostoli s’alzarono e si caricarono il lettuccio di Maria; Pietro disse l’inno: “Israele uscì dall’Egitto, alleluia”.
Mentre discutevano tra loro a proposito della dottrina, della fede e di molti altri soggetti, seduti davanti alla porta della tomba, ecco che giunse dai cieli il Signore Gesù Cristo con Michele e Gabriele; si sedette in mezzo a loro e disse a Paolo: “Paolo, mio prediletto, non rattristarti per il fatto che i miei apostoli non ti hanno rivelato i misteri gloriosi. A essi li ho rivelati in terra, a te li rivelerò nei cieli”.

Fece poi un segno a Michele con la voce propria degli angeli e scesero verso di lui le nubi; in ogni nube c’erano mille angeli che si posero a cantare davanti al Salvatore. Il Signore disse a Michele di innalzare il corpo di Maria su di una nube e trasferirlo in paradiso. Quando il corpo fu innalzato, il Signore disse agli apostoli di avvicinarsi a lui e saliti sulla nube cantavano inni con voce angelica: il Signore comandò alle nubi di partire in direzione dell’Oriente verso la regione del paradiso.

Giunti nel paradiso deposero il corpo di Maria sotto l’albero della vita. Michele portò la di lei anima santa che deposero nel suo corpo.

Il Signore inviò poi gli apostoli nei loro luoghi per la conversione e la salvezza degli uomini. A lui, infatti, spetta la gloria, l’onore e la potenza nei secoli dei secoli.Amen.

dal Racconto di san Giovanni teologo ed evangelista sulla dormizione della panaghia teotoco e sul modo della traslazione dell’incorruttibile madre del Signore nostro.